Il potere che può obnubilare l’anima VI

crocus-2159550_960_720

“Io non so concepire maggior sventura per un popolo colto che vedere riunita in una sola mano, in mano de’ suoi governanti, il potere civile e il potere religioso;”

(Camillo Benso, Conte di Cavour).

  Il potere che può obnubilare l’anima VI

         Questa nuova conoscenza ispirata a Rudolf Steiner dal nuovo bodhisattva Maitreya18 successore del Buddha Gautama, e che oggi ognuno può accogliere dalla Scienza dello Spirito o antroposofia, è la stessa che abbiamo accolto dai vangeli nelle nostre incarnazioni passate ma che non potevamo comprendere a causa della nostra immaturità spirituale. Un esempio di quest’aspetto del Cristo quale giudice del karma umano lo possiamo cogliere laddove nel vangelo di Giovanni si parla di un’adultera che il popolo israelita vuole lapidare secondo la “legge di Mosè”, e dove è scritto che: «Gesù, chinato, scrive facendo dei segni col dito nella terra e, alzando il capo chiede chi di loro fosse senza peccato di scagliare la prima pietra; nessuno di loro ebbe il coraggio perché ognuno aveva trasgredito in cuor suo la legge mosaica. Allora Gesù chinatosi fa di nuovo dei segni col dito nella terra, mentre la folla si disperdeva, e alzatosi alla fine in piedi, perdonò l’adultera chiedendogli di non peccare più» (Gv 8). Nessun teologo si è mai chiesto perché il Cristo prima di perdonare l’adultera, avesse scritto per due volte per terra. Che cosa scrisse per terra il Cristo?

Egli inscrisse nella Terra (che è il Suo corpo), l’errore commesso dalla donna, cioè il peccato di adulterio che non poteva essere rimosso se non attraverso una futura azione karmica, quale effetto del peccato stesso, cui, il destino, ossia il suo Io superiore, (in questo caso era il Cristo stesso, essendo lei divenuta Sua discepola) avrebbe deciso nella sua incarnazione futura il modo per redimerlo. Il modo per compensarlo, Rudolf Steiner in una conferenza tenuta a Norimberga, in merito dice: «Nella nostra epoca il Cristo diventa il Signore del karma per tutti gli uomini che dopo la morte percorrono il cammino descritto. Il Cristo si assume l’ufficio di giudice … Supponiamo che una persona abbia commesso una cattiva azione: essa dovrà fare del bene che pareggi l’azione negativa, ma questo bene lo può compiere in due maniere, e forse, con lo stesso sforzo, potrà essere a vantaggio di pochi, oppure di molti. Che il nostro conto karmico sia così pareggiato in futuro, vale a dire se abbiamo trovato la via verso il Cristo, che esso si inquadri in un ordinamento universale affinché il modo del nostro pareggio karmico provochi la maggior salvezza possibile per gli uomini nel resto dell’evoluzione terrena, di tanto avrà cura chi, dai nostri giorni in poi, diviene Signore del karma, cioè ne avrà cura il Cristo» (Fede, Amore e Speranza, conf. Norimberga, 2 dicembre 1911). Oggi il pensiero intellettuale umano si è alquanto evoluto e rafforzato, come anche la nostra coscienza di veglia, la quale è più desta nei confronti del quarto periodo di cultura greco-romano. In quei tempi antichi i misteri iniziatici erano accessibili solo a pochi eletti che erano scelti dalle “guide spirituali” e che passavano attraversando prove fisiche e animiche molto dure, fino a che il discepolo era pronto ad attraversare un processo iniziatico molto pericoloso. Esso consisteva di passare tramite una specie di morte mistica apparente, in cui il corpo eterico era fatto uscire quasi completamente dal corpo fisico tramite un processo complicato dallo “Ierofante”, cioè il capo supremo dei sacerdoti del Tempio, permettendo così all’anima del discepolo di salire fino alla sfera solare. Là il discepolo incontrava lo Spirito del Sole (Cristo) in uno stato di coscienza ottusa, fino a che non veniva richiamato dall’Iniziatore dopo tre giorni e mezzo e risvegliato con la famosa frase: “… vieni fuori!”; cui il discepolo diveniva in tal modo, un “Illuminato”.

Questa forma antica iniziatica, con l’andare del tempo cominciò a essere pericolosa a causa del corpo eterico che andava legandosi più strettamente al corpo fisico, per questo il Cristo vi pose fine iniziando il suo discepolo prediletto chiamato Lazzaro al cospetto di tutto il popolo ebraico, tradendo così i loro misteri antichi che per questo motivo, lo condannarono a morte. La morte del Cristo sulla croce volle significare un nuovo impulso sia per la Terra sia per l’uomo, tramite cui fu dato a ognuno di potersi unire allo Spirito del Sole in una nuova forma iniziatica che, dava ora all’umanità la possibilità di sviluppare le facoltà superiori intellettuali veggenti senza come dire, “morire!” cioè senza staccare il corpo eterico (il corpo che tiene in vita la forma umana) dal corpo fisico. Inoltre, nella nostra epoca con lo sviluppo dell’anima cosciente, è avvenuto un cambiamento anche tra Maestro e allievo (discepolo), ovverosia che l’allievo o meglio il Maestro, lasci all’allievo la libertà di svincolarsi dalla sua autorità e di percorrere la via iniziatica secondo il suo discernimento e atteggiamento morale; il Maestro resta comunque sullo sfondo, soltanto più come un fratello maggiore che dà consigli, quando ciò sia richiesto. Va ancora aggiunto che quello che oggi permane come legame che unisce il discepolo al Maestro, che non sia più presente sul piano fisico, è la “fiducia!” Possiamo mantenere vivo questo legame fedele spirituale con l’anima del Maestro, fino a quando crediamo in lui, ma non appena perdiamo la fiducia cessa immediatamente anche il legame che ci teneva uniti a lui spiritualmente. Questo è valido anche per noi antroposofi nei riguardi di Rudolf Steiner che fino a quando accogliamo con fiducia e con amore la Scienza dello Spirito, resta vivo il rapporto spirituale con lui anche se non lo avvertiamo, ma di notte quando con la nostra anima ci immergiamo nel mondo spirituale, abbiamo la possibilità di avere un incontro con Lui.

Dal 1413 in poi come sappiamo, siamo entrati nello sviluppo dell’anima cosciente, cioè quella parte dell’anima umana che è più strettamente legata al nostro Sé superiore (l’anima divina superiore) e per questo siamo entrati in un’epoca di radicale cambiamento, dove all’uomo fluiscono dal mondo spirituale delle nuove rivelazioni e facoltà superiori, cui l’uomo deve prepararsi ad accoglierle se vuole uscire dal momento caotico attuale. Dobbiamo capire che questo mondo è per noi soltanto un mondo transitorio entro il quale abbiamo il compito di evolverci individualmente e moralmente, realizzando ciò che è la peculiarità di questo mondo da quando il Cristo è divenuto lo Spirito della Terra e cioè, la facoltà dell’amore cosmico-umano e la libertà autonoma individuale nel pieno rispetto per l’altro. Per questo è anche importante lo sviluppo morale, grazie al quale possiamo elevarci coscientemente a stati superiori dei mondi dello spirito, laddove possiamo unirci alla vera essenza spirituale del nostro “Essere cosmico”, vale a dire al nostro vero nocciolo divino o vero Io19. Ma per fare questo dobbiamo affrancarci, emanciparci da qualsiasi dogmatismo, sia esso istituzionale sia religioso, in quanto questi tendono a sottometterci ad atteggiamenti di supina accettazione contraddicendo così a ogni nostro esame critico e a qualsiasi discussione dialogica. Ciò vale anche per la forma di “simboli” e di verità antiche che divengono dogmatiche, in quanto non si evolvono nelle epoche seguenti, restando pertanto irrigidite nella loro forma antica divenendo in tal modo desueti, fuori tempo, e perciò nocivi all’evoluzione umana, ossia luciferici. Ancora qui Rudolf Steiner in una conferenza tenuta a Stoccarda il 19 dicembre 1919, dice: «Sappiamo dalle più diverse osservazioni che quando qualcosa si evolve nel suo tempo, in sostanza è bene per l’umanità. Diverso è se resta fermo e si manifesta in ritardo; quando ciò avviene, vale a dire se la mentalità di Cesare abbia una funzione ancora nel secolo ventesimo, [nel contesto vuol dire di qualsiasi persona che ragionasse con la mentalità che era in uso al tempo di Cesare], tale mentalità assume un carattere luciferico» (San Silvestro Cosmico O.O. 195, pag.29).

Un maggior esempio di quest’aspetto luciferico, è quello dell’Arcangelo Michele che anticamente era venerato dal popolo ebraico come “Volto di Jahve o Yehovah”, o come tradotto in italiano “Geova”, cui agiva nel popolo ebraico antico come loro guida affinché preparassero un puro involucro umano per la discesa del Cristo. Ciò è rivelato a Mosè da Yahvè, cui possiamo leggere in una pagina del “Deuteronomio” dove appunto è scritto: «Il Signore tuo Dio susciterà per te, in mezzo a te, fra i tuoi fratelli, un profeta pari a me; a lui darete ascolto» (Dt 18,15). Che cosa può significare un “Profeta pari a me”, sennonché lo stesso Jahve o meglio l’Entità divina che lo adombrava quale guida superiore degli Elohim o Potestà cioè il Cristo, si sarebbe un giorno incorporato in un uomo del popolo ebraico, ossia nel Messia “re-sacerdote” simile a Melchisedec? Prima dell’evento del Golgotha, Michele operava come una specie di Spirito del Tempo per preparare appunto la discesa del Cristo in un singolo uomo del popolo ebraico, cioè in Gesù di Nazareth; finito tale compito di “preparazione”, ha oggi un nuovo compito: quello della “comprensione” del Cristo. E un decennio prima della fine del kali yuga, cioè nell’anno 1879, l’Arcangelo Michele è salito appunto dalla dignità di Arcangelo a quella di Archai, assumendo il compito di messaggero e questa volta però, come volto del Cristo. È molto importante capire questo nuovo aspetto di Michele-Cristo, affinché prendiamo coscienza che il ruolo che aveva Jehovah o se vogliamo Michele (Chi è come Dio?), quale guida dell’umanità antica è terminata; a esso si è sostituito un altro Spirito di Popolo, un altro principio Jahvetico che non è più lo stesso di prima. L’altissima Entità divina di Jehovah o Geova, è rivolta verso altri compiti cosmici che già prima operava e che riguardano appunto il futuro della Terra e dell’umanità, dopodiché si unirà di nuovo con i suoi fratelli Elohim solari per un’ulteriore evoluzione cosmica superiore. Questo vuol dire che le correnti religiose monoteiste attuali che cercano di innalzarsi a Dio Padre, Jehovah o Geova, o Allah, con la forma antica jahvetica cioè di Jehovah-Michele, si rivolgono a qualcosa ormai superato, desueto, un impulso antico rimasto indietro che non si è evoluto e perciò luciferico; che non è più presente nei mondi spirituali superiori perché è avanzato da Jehova-Michele a Cristo-Michele. Pertanto ciò che ora è presente nel mondo astrale, è un riflesso dello spirito di popolo Jahvetico ormai superato (dopo la venuta del Cristo sulla Terra) che ha assunto un compito che non le compete. Esso ha assunto un carattere anacronistico nell’epoca presente dell’anima cosciente, cui occorre che i popoli trovino la forza di Michele-Cristo per superare l’egoismo nazionalista e conformarsi agli altri popoli europei per rafforzare la “Comunità europea”, dalla quale deve nascere il vero impulso del cristianesimo universale, in modo da creare, come già menzionato, il germe della futura fratellanza filadelfiana del sesto periodo di cultura (Ap 3,7).

Rudolf Steiner in diverse conferenze parla dell’operare delle gerarchie divine spirituali nel nostro zodiaco e del nuovo compito o missione assunta da Michele, dove da una conferenza tenuta a Stoccarda, il 20 maggio 1913, egli dice: «Come in passato ci si poteva innalzare a Jahve o Jehova e sapere che costui aveva affidato a Michele la missione di preparare il trapasso dall’epoca di Jahve all’epoca del Cristo, così oggi è il Cristo a inviarci Michele come Suo messaggero. Ecco la grande novità che noi dobbiamo accogliere con profondo sentimento: in passato si parlava di Michele-Jahve come della guida del tempo; oggi dobbiamo parlare di Michele-Cristo, Michele si è elevato a un grado superiore: da Spirito di Popolo è diventato Spirito del Tempo (Archai); da messaggero di Jahve o Jehova è diventato messaggero del Cristo. Perciò nel nostro tempo comprendere l’impulso di Michele significa comprendere l’impulso del Cristo» (“Verso il Mistero del Golgota” O.O.152, pag. 72). Pertanto l’umanità se vuole innalzarsi verso il Cristo e il vero Dio Padre, deve prendere coscienza del cambiamento avvenuto nel mondo spirituale, ossia della nuova guida che ha assunto l’Arcangelo Michele dopo la sua salita a Spirito del Tempo o Archai. Egli non opera più come uno Spirito di Popolo e come volto di Jehova o Geova ma appunto, come Spirito del Tempo di tutta l’umanità e quale volto del Cristo. Occorre assolutamente prender coscienza di questo nuovo aspetto spirituale e superare come menzionato, l’egoismo di popolo quale atteggiamento nazionalista, sovranista, o razzista, o comunque tutto ciò che ha tendenza a chiudersi nella propria comunità nazionale evitando qualsiasi intrusione e integrazione di etnie diverse, in modo da mantenere per sempre il proprio “status quo”. Ciò va contro l’impulso micheliano che tende invece a unire una nuova comunità umana universale, costituita da qualsiasi ceto sociale e appartenente a qualsiasi etnia, per formare i semi che nel prossimo sesto periodo di cultura sarà la nuova umanità del quarto millennio, cioè l’umanità del Cristo! Comprenderlo è di un’estrema importanza se vogliamo che il mondo spirituale e il nostro Spirito di Popolo (Arcangelo), ci aiutino a superare le prove karmiche future dovute sia al nostro karma individuale, sia quello collettivo della nostra comunità nazionale. Se non modifichiamo la nostra mentalità, l’umanità si troverà a dover affrontare in futuro il suo destino karmico senza la guida e l’aiuto dello Spirito di Popolo normale e quello dell’Arcangelo Michele, dove verrà sostituito da uno spirito di popolo luciferico, con tutte le conseguenze negative che ne potranno derivare sia sul piano individuale e sia collettivo. In merito ancora qui Rudolf Steiner, nella conferenza tenuta a Basilea il 23 dicembre 1920, ci avverte che: «E se, quando il Cristo Gesù venne sulla Terra, il popolo ebraico venerava un Jahve o Jehovah, i popoli moderni sono ritornati a molti Jahve; poiché ciò che i popoli venerano in base agli odierni principi nazionalistici, in modo da separarsi e combattersi tra loro, [ciò vale per qualsiasi separazione, nell’ambito della comunità sociale], anche se non vien più chiamato con l’antico nome, sono tanti Jahve …» (Archivio storico della rivista Antroposofia – volume terzo, pag.125).

Possono esistere tanti Jehovah, ma esiste un solo Cristo! La differenza tra i due e che mentre Jehovah o Geova, appartiene alla comunità dello Spirito Santo che ha operato nel passato come un Dio lunare alla guida del popolo ebraico, il Cristo invece, ha sempre operato come l’Altissima divinità solare universale, dietro ogni evento esteriore della storia cosmica-umana. L’impulso del Cristo diversamente dal quarto periodo di cultura greco-romano in cui agiva per separare l’anima antica di gruppo ebraica, oggi al contrario, nel quinto periodo di cultura agisce tramite lo Spirito del Tempo Michele, per unire gli uomini in una sola comunità universale, dove ogni uomo possa un giorno riconoscersi cittadino di una sola Patria, la cui anima è la Terra, con la quale si è congiunto due millenni or sono lo Spirito del Sole (Cristo), assumendone la guida come Spirito della Terra. Ma gli Spiriti luciferici di popoli che si sono sostituiti all’antico principio, jahvetico, contrastano il disegno del Cristo, essi non vogliono che l’umanità si unisca, ma che si frammenti in tanti popoli, in tante nazioni, dimodoché ognuno pensi egoisticamente a se stesso senza giungere mai all’unione con gli altri per realizzare la vera fratellanza universale. Quest’aspetto luciferico-arimanico lo vediamo agire con sempre più forza offuscando e inducendo anime umane verso l’ambizione di potere nell’ambito della comunità sociale sia nella sfera religiosa, sia particolarmente in quella giuridico-statale e sia in quella economica, dove gli uomini agiscono inconsciamente con sempre più asservimento nei riguardi di queste forze occulte che operano dal mondo astrale. Difatti, il Cristo nel vangelo di Giovanni, rimprovera i farisei, le guide religiose ebraiche che erano asservite non solo al potere romano di Cesare, ma anche al potere occulto dello spirito Jahvetico luciferico, laddove Egli dice: «Voi dite di avere un solo Padre, Dio! Se Dio fosse vostro Padre, certo mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo … Perché non potete dare ascolto alle mie parole, voi che avete per padre il diavolo, e volete compiere i desideri del padre vostro. Egli è stato omicida fin da principio e non ha perseverato nella verità, perché non vi è verità in lui» (Gv 8,41-44).

Anche oggi a causa dell’immaturità spirituale cui versa ancora la maggior parte dell’umanità cui tarda a risvegliare in sé l’impulso spirituale dell’anima cosciente, ha per guide religiose dei “farisei” che non hanno accolto la rivelazione spirituale del successore del Buddha, ritenendola eretica e perciò contrapposta all’insegnamento cattolico (vedi Acta Apostolica Sedis 11, 1919, 317). Per cui non avendo accolto la rivelazione del ritorno del Cristo eterico nei dintorni dell’astrale terrestre, essi attendono il Cristo secondo la rivelazione dell’Apostolo Matteo e degli Atti di Paolo che possa di nuovo comparire dalle nuvole del cielo e scendere sulla Terra col corpo fisico per diventare il “Re” del mondo – almeno secondo la concezione materialista dei gesuiti. Difatti negli Atti degli Apostoli è scritto: «Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che tra di voi è stato assunto fino al cielo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo» (Atti 1,11). Ciò che gli Apostoli veggenti descrivono nei Vangeli, sono immagini astrali che vanno interpretate secondo la conoscenza occulta di un iniziato veggente o di un chiaroveggente che conosca il linguaggio dei simboli occulti. E allora capiremmo che le “nuvole del cielo” è un termine tecnico occulto, il cui significato è una dimensione o “stato elementare spirituale”; vuol dire che il Cristo, verrà percepito spiritualmente nei dintorni del mondo astrale terrestre, con un corpo eterico di luce . È da sciocchi credere che un uomo fisico possa venire da una nuvola e scendere col corpo fisico sulla Terra; anche il Cristo non può esimersi dalle leggi che vigono nell’ambito terrestre, per cui da quell’altezza certamente si schianterebbe al suolo. Altre correnti religiose invece, credono che Gesù Cristo sia il figlio di Jehovah o Geova, non sapendo che Jehovah o Geova è un altissima Entità gerarchica appartenente agli Elohim o Potestà, ( Exusiai o Spiriti della Forma, secondo la Scienza antroposofica), mentre il Cristo è un Entità divina al di sopra di tutte le gerarchie spirituali e che è in relazione con il secondo aspetto della Trinità divina. Essi interpretano la Bibbia del vecchio e nuovo Testamento, così come il Corano, secondo il pensiero concettuale teologico, credendo di interpretare la verità divina con il loro intelletto umano e non che la verità vada interpretata invece, attraverso la “forza ispirativa veggente” con la quale sono stati redatti in origine, facendo poi credere alla massa credulona di essere i depositari della verità divina in modo da asservirli al loro potere temporale luciferico.

Pertanto se oggi l’umanità non prende coscienza nel riconoscere il nuovo compito micheliano e continua ad atteggiarsi caparbiamente nel voler mantenere la forma antica del principio egoistico Jahvetico di popolo, commette lo stesso errore delle guide religiose ebraiche antiche. Per cui non solo andrà incontro a un destino tragico karmico summenzionato, ma passerà inosservato il nuovo incontro che possiamo avere con il Cristo – eterico sul piano astrale o elementare, allo stesso modo cui lo ebbe Mosè circa tre millenni e mezzo or sono sul monte Sinai e S. Paolo sulla via di Damasco. (VI. Continua)

Collegno, 27 gennaio 2020                                                                         Antonio Coscia  

Sopra: Fiori di Crocus o Croco

Note Integrative

18    Il Maitreya Buddha, è il nuovo Bodhisattva succeduto al Buddha Gautama che secondo alcune indicazioni concordanti sia della corrente orientale buddhista che di quella occidentale rosacrociana, s’incarnerà fra circa 5670 anni dopo il Buddha Gotama, o secondo l’esoterismo cristiano fra circa 2500 o 3000 anni dopo l’evento del Golgotha, cioè da quando il Cristo, il «Logos solare» dimora sulla Terra. Fra tremila anni Egli dovrà scendere sul piano fisico e incarnarsi completamente in un corpo umano preparato per lui, dimodoché possa percorrere quel grado umano chiamato da Rudolf Steiner “Buddha umano”, cui dovrà realizzare la “Dottrina” che ha ispirato alle diverse personalità bodhisattviche umane e realizzare la dignità di nuovo Buddha. Egli sarà il settimo e il primo Buddha umano cristiano, dopo l’illuminazione del grande Buddha Gotama e, userà la potenza della parola per istruire i suoi discepoli in modo magico, senza l’uso del pensiero concettuale. Ciò vuol dire che nel sesto periodo postatlantico chiamato “Filadelfia”, ossia quello che succederà al nostro che durerà ancora per circa 1500 anni, la saggezza divina sarà accolta senza l’ausilio del pensiero concettuale, cioè verrà accolta direttamente dall’anima umana attraverso un atto magico della potenza del logos del Bodhisattva. Per meglio dire, la parola “magica” del Maitreya Buddha, sarà accolta tramite una sorta d’intuizione cosciente da quelle anime più evolute che preparandosi fin da ora avranno raggiunto insieme allo sviluppo dell’anima cosciente un alto grado della coscienza morale. E affinché ciò possa realizzarsi, devono essere formati degli uomini che possano già da ora sviluppare e trasformare il pensiero razionale in un pensiero intellettuale veggente o immaginativo. È quindi della massima importanza che nel nostro periodo, una parte dell’umanità più progredita possa sviluppare in sé attraverso la fede verso un nuovo esoterismo cristiano moderno, un cammino spirituale onde riconoscersi tramite lo sviluppo della coscienza morale, di avere in sé un che di divino, da cui egli è sempre stato ispirato. Questa è la speranza dei Maestri che guidano sia l’evoluzione occidentale sia quella orientale, essi sperano appunto, che possa realizzarsi nell’ambito di tutte le comunità e movimenti spirituali, la formazione di quelle anime cui possono essere idonee ad accogliere la «Parola magica» del nuovo Buddha che deve venire. Questo è il compito più importante che la Società Antroposofica universale possa prendere coscienza e in modo particolare nei gruppi locali, affinché l’Antroposofia possa espandersi sempre più nel nostro periodo attuale, in modo da essere utili e aiutare l’umanità a sviluppare nel modo giusto l’anima cosciente che deve realizzarsi entro la fine del nostro quinto periodo postatlantico. Inoltre, ha come scopo di preparare nello stesso tempo, delle anime più evolute in modo da poter accogliere nel modo giusto nel prossimo sesto periodo di cultura o periodo di Filadelfia, il dono dall’alto del mondo angelico, ossia il principio del Sé spirituale. (Vedi anche la nota 4. di 1.Note Integrative Antroposofiche).

19    Al di sopra dell’ Io superiore, Rudolf Steiner ci svela l’esistenza di un «Io» ancora più superiore che possiamo definire una «Entità superspirituale» che è il «vero nocciolo» di tutto l’essere umano e che la Scienza antroposofica chiama: «Il vero Io o Scintilla divina». Rudolf Steiner menziona pochissimo questa parte costitutiva umana. Egli ne parla in una conferenza tenuta a Bologna e in alcune pagine del libro «Sulla Via Dell’Iniziazione», dove egli alla fine sintetizza il concetto del vero Io così: « L’uomo porta in sé un “vero Io” che appartiene a un mondo sopraspirituale. Nel mondo dei sensi [fisico] questo “vero Io” è come nascosto dalle esperienze del pensare, del sentire e del volere[che l’uomo fa durante la sua vita terrena]. Perfino ancora nel mondo spirituale l’uomo acquista coscienza di questo “vero Io” soltanto estirpando in sé i ricordi di quanto può sperimentare mediante il suo pensare, sentire e volere», (Sulla via dell’Iniziazione O.O. n.12 – La soglia del mondo spirituale, pag. 190 -194; Ed. Antroposofica Milano).

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...